Torna alla prima pagina !
Agenda Eventi
< Dicembre 2018 >
D L M M G V S
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
Vedi tutto il mese
logo ccdc
Home Page > Pietre d’inciampo
Torna indietro !
Condividi con:
Domenico Pertica


 
BRESCIA, CONTRADA DEL CARMINE, 39
 
QUI ABITAVA
DOMENICO PERTICA
NATO 1923
ARRESTATO COME POLITICO
30.09.1944
DEPORTATO A GUSEN
ASSASSINATO
21.4.1945
 
Domenico Pertica nacque il 6 gennaio 1923 a Brescia. Lavorava come operaio, quando, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, decise di aggregarsi, insieme al cognato Roberto Carrara, ai gruppi di soldati renitenti alla leva, salendo in montagna nella zona del monte Guglielmo. La loro presenza in montagna destò preoccupazioni nelle truppe di occupazione tedesche e nei fascisti. Il 9 novembre 1943 fu organizzato un rastrellamento tedesco nella zona di Croce di Marone. I numerosi ribelli insieme agli ex prigionieri di guerra fuggiti dai campi di concentramento furono attaccati e dispersi. Sette tra ribelli ed ex prigionieri alleati furono uccisi nello scontro e i gruppi del Guglielmo furono dispersi. Così Domenico Pertica, insieme al cognato, ritornò in città, nella sua casa di Contrada del Carmine. Il 30 settembre 1944 fu arrestato e trasferito nel lager di Bolzano, da dove, alla metà di dicembre del 1944, fu deportato nel lager di Mauthausen. Domenico Pertica morì il 21 aprile 1945 nel sottocampo di Gusen. Di lui resta una lettera, scritta probabilmente nel novembre 1944 a Bolzano, alla fidanzata Elsa. Venne ritrovata solo dopo quarantuno anni, nel 1985 e fatta finalmente recapitare alla fidanzata «Carissima Elsa, finalmente dopo due mesi posso dare mie notizie, la mia salute non è cattiva e il morale è sempre alto. Purtroppo il destino è stato contro di noi, ma se avrò fortuna di ritornare ricominceremo la nostra vita felice. Ti raccomando di scrivermi spesso perché questa è l’unica soddisfazione che mi resta in questa lontananza. Durante questo tempo il mio pensiero è stato rivolto a te e invisibile sei sempre stata vicina a me per alleviarmi da queste pene. Ricevi infiniti baci con la speranza di riabbracciarti presto. Tuo Dino.»
 
A cura degli studenti della classe 5° T del Liceo delle Scienze Umane “Veronica Gambara” di Brescia, anno scolastico 2012-’13.
 
Popolis
Popolis
Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura
Via XX Settembre n.72 - 25121 - Brescia - C.F. E P.IVA 00844950170
Tel. 03037421 - Fax 03047013 - e-mail: info@ccdc.it