“Duetti nel bosco: condivisione”: 18 settembre, ore 19, a Piazzole

“Duetti nel bosco”: in dialogo sul tema della fraternità il violoncellista Giovanni Sollima e il monaco Lino Breda. Nel bosco della base scout di Piazzole, Gussago. Brescia 22 giugno 2019 Ph Christian Penocchio

Per il terzo anno la Fondazione San Giorgio Onlus e la Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura ripropongono i “duetti nel bosco” venerdì 18 settembre 2020 alle ore 19 presso la Base Scout di Piazzole (Gussago).

Don Paolo Steffano, Parroco di Baranzate (Mi), e Laura Capretti, mezzosoprano, saranno protagonisti di un duetto fra musica e parola, uno scambio tra voci originali e differenti sul tema della condivisione.

L’ingresso è libero; vi aspettiamo numerose e numerosi!

 

Per rispettare le norme dovute all’emergenza Covid è necessario:
prenotarsi con una mail all’indirizzo info@ccdc.it indicando il proprio nome e il numero di telefono (possibilmente cellulare)
– portare la mascherina
– sarà effettuato il controllo della temperatura all’ingresso del luogo adibito al concerto.

Per questi motivi si raccomanda di essere presenti almeno mezzora prima dell’orario di inizio.

Per ulteriori informazioni si può chiamare il n. 347.0043219.

In caso di maltempo l’incontro si terrà al coperto.

Si consiglia di venire all’incontro con scarpe comode, maglione, giacca a vento e pila.

 


I relatori

PAOLO STEFFANO cresciuto negli scout, è stato vicario parrocchiale dal 1990 al 1996 a San Pio V a Milano e dal 1996 al 2004 responsabile della pastorale giovanile a Cernusco sul Naviglio, ideando la Festa dei Popoli, e dal 2004 è parroco di Baranzate, il comune d’Italia con il più alto tasso di stranieri, dove nel 2017, grazie alle attività realizzate e al «suo contributo a favore di una politica di pacifica convivenza e piena integrazione degli stranieri immigrati nell’hinterland milanese», è stato insignito con l’Ordine al Merito della Repubblica Italiana dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Tante etnie presenti, ma “una sola lingua per tutti, quella della relazione – dice Don Paolo -. Ho tanti collaboratori che parlano molte lingue, ma il sapere intellettuale non basta, quello umano va oltre ogni barriera. Gli stranieri che vogliono vivere qui devono imparare l’italiano e io ho imparato a salutarli in tutte le lingue, conoscersi è il primo passo”. Di qui il via a iniziative di solidarietà, di imprenditoria sociale e di vicinanza, nel segno dell’autonomia e del dialogo.

LAURA CAPRETTI si diploma in Musica Vocale da Camera con lode e menzione d’onore al Conservatorio “G. Verdi” di Torino, sotto la guida di Erik Battaglia. Ancora studentessa, è coinvolta in un’intensa attività concertistica, che la vede protagonista nelle stagioni dell’Unione Musicale di Torino, OMI Santa Pelagia, FAI, “Musica a Corte” alla Venaria Reale. Accanto al repertorio per voce e pianoforte, è attiva in diverse formazioni cameristiche. Nel 2017 si è esibita in trio (voce, chitarra romantica e flauto traversiere), su Rai5 all’interno del programma “Nessun dorma”. Ha partecipato al Festival di Musica da Camera di Mantova 2017 e alla ottava edizione della “Deutsche Liedakademie” a Trossingen, dove si è perfezionata con Erik Battaglia, Axel Bauni, Burkhard Kehring, Anne LeBozec, Peter Nelson e Jan Philip Schulze.

I commenti non sono disponibili