Testi di Matteo Perrini

29 Settembre 2009

Kant tra cielo e legge morale

Immanuel Kant nacque il 27 aprile 1724 a Königsberg, nella Prussia orientale, e morì nella stessa città il 12 febbraio 1804. I suoi genitori erano di modesta condizione. Il padre, […]
19 Settembre 2009

Invito alla lettura di Platone

Ralph Waldo Emerson, il più affascinante pensatore statunitense del XIX secolo, nel 1845-46, tenne una serie di conferenze su “Uomini rappresentativi”. Quelle conferenze furono raccolte in un volume che ebbe […]
19 Settembre 2009

Il "sociologismo"

Il grande sviluppo della sociologia ha dilatato la sua influenza a tal punto da surrogare la ricerca e la metodologia filosofiche, degenerando così in sociologismo. Il sociologismo non è la […]
19 Settembre 2009

Il comunismo e Marx

Si può separare il comunismo di Marx dai comunismi storicamente realizzati dal 1917 a oggi? Se si può, Marx deve essere chiamato “fuori”, sottratto in qualche modo al giudizio di […]
19 Settembre 2009

Filosofia preziosa per la formazione dei giovani

Qualcosa è mutato, ed è in meglio, in questi ultimi anni nel clima culturale del nostro Paese per quanto riguarda la filosofia. Abituati a vedere la filosofia asservita alle ideologie […]
19 Settembre 2009

Evitare la deriva utilitaristica

Ai nostri giorni capita di leggere affermazioni come questa, che riporto nei termini in cui le ha formulate un noto maître à penser, ma che hanno una diffusione, per così […]
19 Settembre 2009

Essere e dover essere in Petruzzellis

Nicola Petruzzellis (1910-1988) fu uno dei pochissimi della sua generazione ai quali toccò di saltare il passaggio obbligato dell’idealismo. Ancora negli anni degli studi universitari, egli, infatti, attraverso la ricostruzione […]
19 Settembre 2009

Dietro la corsa al consumismo

Ci sono pensatori profondi ed originali, di cui si avverte la grandezza e che tuttavia, proprio a causa della loro totale estraneità ai giochi del potere e dell’industria culturale, sono […]
19 Settembre 2009

Dalle terre del nulla alle terre dell’oltre

Quando si giunge all’ultima pagina di un libro, l’interrogativo che sovrasta ogni altro, almeno per me, è uno solo: qual’è l’idea centrale, l’idea direttrice, l’intuizione che sorregge tutto il lavoro […]