Testi di Matteo Perrini

6 settembre 2009

La riforma umanistica della politica: l’Utopia

All’alba dell’età moderna, i due cristiani che indirizzarono su nuove vie la riflessione politica furono proprio Erasmo e Thomas More. Essi concepirono una vasta, profonda riforma umanistica della politica: il primo, mettendo al centro dei suoi appassionati interventi la pace come obiettivo fondamentale e, dunque, il rifiuto della guerra come […]
6 settembre 2009

Erasmo, le ragioni della difesa della libertà umana

Nell’estate del 1523 il mondo luterano – dopo il fallimento dei tentativi di annessione, prima, e di utilizzazione strumentale – rompeva apertamente con Erasmo. L’attacco al maestro dell’umanesimo cristiano fu sferrato con inaudita violenza da Ulrich von Hutten, già suo protetto e ora arrabbiato ultras del luteranesimo estremo. Nella sua […]
6 settembre 2009

Erasmo: il rapporto tra politica e morale

I LE VIE DELLA RAGIONE E RAGION DI STATO Un’assurda leggenda ama dipingere Erasmo come uno scettico distaccato e un diplomatico incerto; e peggio come un Pilato, un servile cortigiano, uno sprovveduto pacifista. Egli è invece in campo politico la voce più libera e ardita del suo tempo, la coscienza […]
6 settembre 2009

Erasmo e Thomas More, storia di un’amicizia. Intervista.

Dialogo con Matteo Perrini a cura di Antonio Sabatucci La prima volta si incontrarono a un pranzo a casa del sindaco di Londra. Era il 1499: Thomas More aveva vent’un anni, Erasmo da Rotterdam ne aveva circa trenta. Nacque in quell’occasione, favorita dal comune amico William Blount, barone di Mountjoy,un’amicizia […]
6 settembre 2009

Erasmo e More: parola e scrittura

L’abbraccio tra Erasmo e More a Bruges, nell’agosto 1521, e un mese dopo la lettera dell’olandese a Budé, con lo schietto elogio dell’amico inglese, chiudono un’epoca. Nei dieci, dodici anni successivi la storia registra un’accelerazione incredibile a causa della rivoluzione portata dalla stampa nella circolazione delle idee e per l’intreccio […]
6 settembre 2009

Erasmo e Lutero

I L’ERASMO CHE LUTERO AVREBBE POTUTO ESSERE Erasmo pubblicò tante opere, ma del grande umanista spesso si dimentica che egli fu eminente biblista, autore di scritti spirituali, infaticabile editore della Patristica. Egli svolse un lavoro immenso nella esegesi del Nuovo Testamento e per la conoscenza dei classici del pensiero cristiano, […]
4 settembre 2009

L’Utopia di Thomas More e la riforma umanistica della politica

Dopo il 1514 Erasmo farà in Inghilterra ancora brevi puntate, ma ormai i suoi lavori lo impegnano direttamente sul continente dove sorgono le «officine» dei suoi editori. Alcuni tra i frutti migliori del suo lavoro sono colti in quel mirabile 1516. Vede allora la luce l’Istitutio principis christiani («L’educazione del […]
4 settembre 2009

L’addio di More tra divino e umano

La nomina di More a Gran Cancelliere avviene in una situazione resa dirompente dalla questione del divorzio da Caterina d’Aragona e dal pressing asfissiante di Anne Boleyn su Enrico VIII. Il 25 ottobre, a Greenwich, More riceve dalle mani del re lo scettro di Gran Cancelliere d’Inghilterra. Il giorno dopo […]
4 settembre 2009

Erasmo, il dramma dell’incomprensione

Lo scenario e i compiti di More e di Erasmo nel loro confronto con Lutero non sono gli stessi, senza essere per questo fra loro in conflitto. Ambedue avvertono con angoscia quanti e quali pericoli comporti la rottura dell’unità religiosa dell’Europa, causata a sua volta da una crisi di cui […]