Presentazione del libro “Il dubbio e la fede. Carteggio”

Giovedì 12 giugno 2014 alle ore 18 nella libreria Paoline in Brescia, via Gabriele Rosa n. 57, è stato presentato il libro edito da Morcelliana “Il dubbio e la fede. Carteggio”. Gli autori Giacomo Canobbio, docente di Teologia sistematica presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale,  e Bruno Bettenzani, titolare di uno studio professionale che opera nel campo della formazione manageriale e autore di L’anima della leadership (2007), L’Antileader (2009) e Pensare le parole (2010) sono stati intervistati da Rodolfo Rossi, ricercatore dell’Università Cattolica. Ha presentato Enrico Minelli, presidente della Morcelliana.

L’incontro è stato promosso dalla Cooperativa Cattolico-democratica di Cultura e dall’editrice Morcelliana.

Credere è un’esperienza quotidiana, almeno nella sua declinazione di semplice “fiducia”, ma appare sempre più difficile avere “fede”: mentre la prima ne è l’accezione secolarizzata, quest’ultima implica un affidamento totale alla trascendenza. Se poi ci si riferisce al Dio cristiano, il salto della fede è vertiginoso: un uomo di Nazareth è il Dio incarnato nella storia per salvarci. La problematicità della corrispondenza fra questa credenza e il vero si avverte specialmente di fronte alla crescente complessità culturale e religiosa del contesto in cui viviamo, che rende difficile l’elaborazione di argomenti in giustificazione della fede. Il libro riporta i colloqui epistolari tra una persona che non riesce a decidersi di credere, perché non trova ragioni plausibili, e un teologo. Un dialogo dove lo schema domanda/risposta si dissolve nel comune interrogarsi circa il senso ultimo del vivere, sporgendosi oltre la frontiera che apparentemente divide pensare e credere.